Cos’è, poesia.

DSCN3661

Prima di crollare dalla stanchezza, un omaggio e una poesia. E’ di Mario Benedetti, grandissimo poeta vivente, nato a Udine nel 1955. Non dico altro, sarebbe sprecato. Stasera parla lui.

Le mani sulla mela, sole con il verde / le dita avvoltolate nelle bucce.

Le cassette donate che Rina portava dal lavoro, / quelle cadute sul prato, mamma, che cosa mangi?

E il succo nella bocca della tua eternità / dove il mondo è stato unico e minuscolo.

Povera umana gloria /quali parole abbiamo ancora per noi?

Se siete curiosi di leggere il resto, trovate questa poesia, e le altre, qui, in questa raccolta pubblicata da Mondadori. Piccola, primordiale, quotidiana e antichissima. Come se fosse sempre stata qui. Come se fosse sempre stata anche noi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...